Buell XB9R Capitan America ( La prima Buell xb Naked )

1,00

Esaurito

Categoria:

Descrizione

Buell XB9R Capitan America ( La prima Buell xb Naked )

Quando Harley Davidson inglobò Buell, cessò la produzione dei modelli “Tube Frame” s1 s3 m2 ciclone ed x1 e creò la Buell XB9R Fireboalt , una moto completamente nuova dal impostazione molto piu stradale rispetto alle Naked per la quale si era fatta conoscere.

Diciamo la verità….. oggi ci abbiamo fatto l’occhio ma appena usci la Buell Fireboalt xb9r era un po sgraziata oltre ad avere un motore molto fluido che risultava rispetto alle precedenti versioni , fiacco. Infatti le vendite erano poche e chi l’acquistava spesso la rivendeva subito

Anche noi  ne comprammo subito una per fare una special, non la facemmo neppure immatricolare e fu ritirata caricandola su un furgone per portarla subito da noi in officina

Ci era stato detto che il telaio fosse in alluminio , bè la calamita non attaccava quindi moto nuova ancora da immatricolare con un po di coraggio abbiamo sverniciato il telaio e poi lucidato a specchio ma questo non bastava .

Ci viene l’idea di renderla piu simile ai vecchi modelli che avevano avuto un gran successo e a noi ci piacevano tanto.

Tagliando e cucendo facemmo entrare una coda di una Buell x1 sul nuovo telaio ed essendo anche lei in alluminio venne lucidata come il telaio.

La sella naturalmente non potevamo montare quella di una x1 perche il raccordo al serbaotio era completamente diverso quindi ne abbiamo costruita una nuova , rivestita poi in pelle con i colori della moto

Anteriormente una volta tolta la carena , il telaietto reggi carena e tutto l’impianto elettrico , abbiamo installato un faro ed un cupolino sempre Buell ma questa volta del modello S1 ed abbiamo riposizionato la strumentazione originale creando nuovi supporti.

Adesso la problematica era l’impianto elettrico che non poteva piu stare nella carenza anteriore perche eliminata ne sarebbe entrato nel codone posteriore perche poco capiente  tra l’altro lo spazio occupato gia dalla batteria

La scelta ricadde nel unico posto sacrificabile, l’airbox. Venne eliminato completamente insieme al filtro aria originale, lo spazio sotto il finto serbatoio fu diviso in 2 zone , in una abbiamo inserito l’impianto elettrico e nel altro abbiamo posizionato un filtro aria a cono. Parte del impianto elettrico fu semplificato e per far respirare l’aria al filtro è stata creata una presa aria nel finto serbatoio

Il tutto poi aerografato con la bandiera americana

Come scarico montammo l’unico in commercio, il Jardine in alluminio che anche se non era omologato emetteva un sound pazzesco.

L’ammortizzatore di sterzo adattammo un Daytona di derivazione Harley Davidson Sportster  creando i nuovi supporti forcella e telaio , gli anni successivi proprio la Daytona  creò un kit  identico .

Montammo pochissimi accessori “da catalogo” primo perche ci piace creare sempre cose nuove quando non abbiamo “obblighi” verso aziende o proprietari e secondo perche ancora in produzione per questa moto non c’era praticamente niente visto che era appena uscita.

Montammo una chicca però , la pompa freno della Francese Beringer di colore rosso naturalmente e leva corta che oltre ad avere un ottima modulabilità ,riusciva a far spingere egreggiamente l’enorme pinza freno a 6 pistoncini Buell

 

La moto non era ancora ultimata del tutto e la portammo in esposizione al primo Buell Days svolto  al circuito di Adria dove vinse il 1° premio del bike contest e proprio li fu venduta al nuovo proprietario, il presidente di un club privato Buell, la portammo comunque via noi per ultimarla prima della consegna effettiva. Il nuovo proprietario quando venne a ritirarla lascio da noi la sua Buell S1 per personalizzare anche quella

Successivamente Harley Davidson mise in commercio la versione scarenata XB9s e XB12s e tutte le derivate , chissa che questa moto non abbia influito sulla loro decisione ….

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Buell XB9R Capitan America ( La prima Buell xb Naked )”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.